mercoledì 5 novembre 2014

Scegliere è obbligatorio


Alessandro Bergonzoni,  intervistato (  QUI lo potete leggere )

ci spiega chi siamo e parla di chi  ci governa.
Le sue considerazioni ci impongono di ripensare a noi stessi, alla nostra qualità di persona e ci sprona a rimetterci  in cammino.



.

8 commenti:

  1. letto. Apprezzato. Condiviso. ....E fatto autocritica, che i sa ne abbiamo tutti bisogno! Emanuela
    PS....da brava imbranata....ti ho mandato un commento sul tuo post di ieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commento è nel posto giusto e ti ho risposto. Comunque puoi scrivere dove vuoi, per me va tutto bene.
      Sì, fare autocritica è sempre una buona cosa.... infatti ogni tanto occorre una "messa a punto" per rimetterci in carreggiata.
      Ciao :)))

      Elimina
  2. Grazie per questa bella segnalazione!
    Come sempre, il linguaggio del geniale Alessandro Bergonzoni è ricco di suggestioni intellettuali e di un approccio etico all'esistenza. La parola scritta, poi, permette di ragionarci decisamente meglio che nel travolgente ascolto del suo eloquio, che diverte ma spesso lascia spiazzati per la mancanza di consequenzialità serrata: un fluire che dà anche l'impressione di un'eterna opera incompiuta.

    Ciao, una buona (benché grigia e piovosa) giornata a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel non senso di Bergonzoni c'è tanto buon senso ma per seguirlo occorre fare acrobazie non da poco. Le sue opinioni mi fan sempre riflettere, anche su cose che in apparenza paiono banali o puramente ricreative e ammiro la sua fertile intelligenza.
      Ciao Franz, aspetto con ansia la settima puntata della cavalloneide. :)))

      Elimina
  3. Molto critico ma porta anche soluzioni e suggerimenti. Mi piace Bergonzoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bergonzoni è un artista generoso che ha ben chiaro cosa siano equità e giustizia sociale.
      Ho riso alle barzellettine del tuo blog... e il cielo sa quanto bisogno ci sia di un sorriso.
      Ciao.

      Elimina
  4. Mi piace, e mi stimola, la frase "rimetterci in cammino"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tempi di disorientamento, questi, e spesso non si sa in che direzione muoversi. Siamo stretti fra notizie e dati discordanti... che il cielo ce la mandi buona. E a noi dia buona volontà.
      Ciao Costantino.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.