venerdì 21 novembre 2014

ANDIAMO A VOTARE !

Elezioni 
img dal web


Domenica 23 novembre in  Emilia-Romagna e in Calabria si voterà per eleggere il presidente di regione e  i consigli regionali.

ANDIAMO A VOTARE !
Occorre  farlo perchè questo periodo storico è importante   e il nostro voto dimostra, a noi stessi ed al governo,   che siamo interessati al nostro stesso futuro e non  subiremo la politica imposta.
ANDIAMO A VOTARE !
A chi pensa che il non voto sia una forma di protesta, dico di fare attenzione  perchè il loro messaggio non arriverà e avvalorerà  la convinzione (comoda) che a noi non interessi il voto.
ANDIAMO A VOTARE !

Nel caso non si intenda votare per alcun candidato o lista, meglio andare all'urna e annullare la scheda.. questo è quel che penso.

---------------------------------------------------------------------------



Cerca sul web notizie  più esaurienti di quelle che ho trovate.

---------------------------------------------------------------------------

Aggiungo adesso, alle ore 21.10, il link di un video che mi pare illustri molto bene i nostri tempi. Riprendono una persona di spettacolo che non fa spettacolo ma informa, ci dice chi siamo e  chi sono i potenti.
Il titolo: "Discorsi alla nazione".
 Il video non riesce a partire ed allora occorre copiare  l'indirizzo qui sotto e incollarlo sulla barra degli indirizzi.

http://youtu.be/zVeBIBXHTKY   



6 commenti:

  1. qua in Liguria si voterà in Primavera. Per adesso assistiamo allo squallore di una battaglia tutta interna al PD.......per i candidati alle primarie, per quando votare e cosette così. In questo momento non gliene frega un accidente a nessuno, a partire da me. Sottigliezze, unghie che stridono sugli specchi, dichiarazioni che, se non fossero tragiche, sarebbero degne della miglior commedia all'italiana....Qui non piove, ma ogni giorno c'è una nuova frana e strade chiuse per frane e fango. Qui un sacco di negozi non riapriranno.Qui sta letteralmente franando la collina alle spalle di Prà ( quartiere genovese del ponente) dove ancora ci sono i contadini, gli orti e le serre piene del nostro meraviglioso basilico. Qui,credimi - e non sono una qualunquista, mai stata - non mi interessa quando si voterà per le primarie e chi saranno i candidati....Penso a tutti quelli che mi, ci hanno preceduto. Penso a tutto ciò che hanno fatto per veder riconosciuti quei diritti di cui, ancora oggi , godiamo. Penso al bisnonno dei miei figli, meraviglioso toscano- maremmano, che si chiamava.....Ateo! Penso ai suoi racconti, alla poesia che scrisse il 25 aprile 1945, e che conservo in copia. penso alle bandiere rosse del suo funerale, con la banda che suonava l'Internazionale e bandiera Rossa ed io avevo Giulia in braccio, di 20 mesi, che rideva felice. Penso che il nonno Ateo si stia rivoltando nella tomba. Penso che, neppure delle sue più pessimistiche idee, avrebbe mai immaginato un mondo così. Emanuela
    PS. scusa questo mio essere così prolissa. ma sento le budella che si ritorcono e continuo a chiedermi che vita aspetta i nostri ragazzi, i nostri figli, i nostri nipoti. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un periodo in cui tutti sono preoccupati ma silenziosi, o volgarmente arrabbiati o dignitosamente zitti, tu parli e motivi la tua delusione/rabbia/sconcerto con fatti concreti. Ancora grazie.
      Al tuo sentire, unisco il mio senso di schifo per un potere senza vergogna. A certe persone piacerebbe dire che il nostro voto è inutile, obsoleto perchè disertato... ed è per questo che voto e voterò sempre, per non gettare via quel che è stato conquistato col sangue e per sperare che il voto, un giorno, possa servire a determinare la politica e non si presti ad essere usato.
      Ci sono artisti che, prima di ogni altro, hanno denunciato chiaramente quel che stava succedendo nel nostro paese, ma sono stati sbeffeggiati e noi abbiamo riso di quelle che chiamavamo gags... non lo erano e avremmo fatto bene ad ascoltarli, a tenere alta la guardia, piuttosto di restare inchiodati davanti a quella dea tv che ha raggiunto il fine che si era prefissa: quello di obnubilare le nostre menti.
      Non tutto è perduto, di persone oneste ce ne sono e cercheremo di conoscerle.
      Un abbraccio a te e il pensiero costante alla tua bella terra maltrattata.
      Buona serata Emanuela.

      Elimina
  2. perdona il mio lungo scritto così emotivo. ma penso che , a volte e su certi argomenti, sia giusto che la pancia prevalga sulla ragione . Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è arrivata la comunicazione del tuo messaggio nella posta del cell. e ho acceso il pc per ringraziarti di quel che scrivi e dell'emozione di cui le tue parole sono dense.
      Grazie tante, davvero grazie.

      Elimina
  3. Più si va avanti più, diventa duro ritenere il voto come forma massima di democrazia.
    "Voi ascoltate me, ma io non ascolto voi": fingono tutti di ascoltare, ma solo per adeguare le promesse elettorali a ciò che gli elettori vogliono sentirsi promettere.
    Un tempo, l'eletto e il partito che lo aveva proposto guardavano in un'unica direzione, magari da angolazioni diverse, ma convergenti su un solo punto comune.
    Oggi?
    È vero, la tentazione del non voto è fortissima, ed è alimentata dai comportamenti di una non politica, di politici che sbeffeggiano apertamente chi li ha eletti, una politica già da tempo corrotta ma ormai marcia del tutto, non più recuperabile come bene prezioso.
    La tentazione è quella di affossarla del tutto, questa politica, di fare tabula rasa per ricominciare tutto da capo.
    Andrò a votare, voterò per qualcuno, ma talmente convinto di questo voto dato, che a chi dovesse chiedermi per chi ho votato risponderò, senza mentire: "per nessuno".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con quanto scrivi, Gattonero. Anch'io penso improbabile che i governanti e i governati guardino oggi nella stessa direzione ma non voglio lasciarmi prendere dallo sconforto. A Bologna pare che pochi andranno a votare e vorrei dire, a chi intende astenersi pur con ottimi argomenti, che se non lo faremo e se non cominceremo a fare il nostro dovere nei luoghi di lavoro, o che frequenta, le cose non potranno che peggiorare.
      Fare tabula rasa sarebbe una buona soluzione ma non potendo farlo occorrerà lavorare di mente e braccia.
      Il marcio: la persona che voterò, scelta non per convinzione ma per eliminazione, non è stata invitata ai dibattiti televisivi, ha esigui spazi radiofonici e non è citata da alcuni giornali come candidata in corsa per la presidenza. Ecco, questo mi fa quasi piacere... forse il mio voto non andrà perso e soprattutto non sarà dato a boriosi che vivono da anni di annunci e si dicono a favore dei cittadini intendendo, con questa parola, loro stessi e i loro amici.
      Ci salveranno dal disastro la cultura e la consapevolezza... è ammesso sognare, no?
      Grazie per il tuo voto di domani. :)

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.