mercoledì 6 agosto 2014

Inconsapevolezza




Avevo una competenza e non lo sapevo.  Mi sentivo allieva, in qualunque campo, e invece un'eccellenza l'ho: sono un'esperta in "gestione del panico" e quanto prima chiederò, prima che lo facciamo altri,  una cattedra alla Sapienza di Roma.


Non mi chiamo Schettino, però so come si reagisce, come ci si comporta in caso di pericolo:   si scappa!

Bah,  ripensandoci,  non sono così esperta come  pensavo, o come  quel  tizio assoldato dalla Sapienza... io, infatti,  non sarei scappata lasciando tutte quelle persone in balìa del mare.  Forse sono esperta in un ormai inutile senso di responsabilità.

16 commenti:

  1. Non si finisce mai di "scoprire se stesi" ed imparare.
    Guarda che se sai gestire il psanico una cattedra alla Sapienzi la puoi chiedere senza alcun timore....:))
    Pensa: Cattedra in "gestione del panico CON senso di responsabilità"
    Fortissimo!
    Tornando seri però credo che se hai scoperto quest'"eccellenza" è perchè hai dovuto affrontarla e quindi gestirla.
    Un carissimo saluto Sari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho tralasciato Schettino in quanto credo che il fatto che si sia messo in cattedra è un affare davvero deplorevole ..... davanti agli studenti della facoltà di Medicina l'ex capitano che è intervenuto sul tema della gestione del panico per un master in scienze criminologiche mi lascia perplessa e mi domando: ma altre persone qualificate in tale materia non le hanno trovate?

      Elimina
    2. Cara Carla, per fortuna questa volta i media hanno dato risalto sia all'iniziativa di quel docente che ha invitato l'ex comandante sia all'indignazione del rettore che, se sincera e non doverosa, mi è piaciuta.
      IL senso si responsabilità fa parte del bagaglio di ogni adulto, o almeno dovrebbe, per fortuna non conosco gli attacchi di panico ma sottolineo che quell'ex ci si è abbandonato ed è scappato, dimostrando di non avere nulla da insegnare a nessuno.
      Ciao, felice giorno.

      Elimina
    3. L'indignazione e la reprimenda promessa dal rettore mi sembrano un po' pelosette.
      Non ce la faccio proprio a credere che una mossa così stupida (meglio, infame) abbia potuto accadere nella "sua" università senza che ne fosse a conoscenza.
      Se sapeva e non l'ha fermata, ai due fecalomi, oggetto di indignazione a livello nazionale, bisogna aggiungere il terzo, che è lui.
      Se non sapeva, mi chiedo a cosa serve un rettore, lautamente "ingrassato", in una università che dovrebbe primeggiare, perlomeno a livello nazionale.
      Ma, a guardare bene, bisognerebbe mettere in conto anche gli studenti (fecalomi in fieri) che hanno aderito all'ascolto di questo elemento.
      Avranno anch'essi lo sporco coraggio di trincerarsi dietro il classico "non sapevo" ?
      Disertare quella "lezione", protestare e contestare come tutti gli studenti sanno fare, e magari fanno se le patatine in mensa non sono croccanti il giusto.
      Essendo iscritti a medicina, questi saranno quelli che cureranno i bambini di oggi quando saranno adulti.
      Tutti questi attori hanno contribuito attivamente a trasformare una scuola in una cloaca, in cui galleggiano allegramente.

      Elimina
    4. Fosse anche stato costretto a indignarsi, considero il fatto positivo perchè sottolinea una condotta disdicevole e quanto sia necessario prenderne le distanze. . Ai tempi che stiamo vivendo non è così scontato.
      Disertare le lezioni... gli studenti univeritari si sono abituati ad anomalie, ricatti, vessazioni... e non ci si può meravigliare che abbiano trovato normale un "esperto" come quello.
      I nostri medici sono stati formati proprio come dici tu... ed è per questo che ce ne lamentiamo tutti. Le università andrebbero riformate, risanate con urgenza... ma questo è un altro discorso.
      Ciao Gattonero.

      Elimina
  2. sono PROFONDAMENTE indignata....non ho parole che si possano scrivere pubblicamente...
    tantomeno sul blog della propria mamma...
    mi vergogno immensamente di far parte di quell' ITALIETTA che da spazio e risalto ad ogni tipo di malfattore.....invece di guardare a tutte le cose belle e alle persone speciali che ci circondano....
    ciao Sari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Silvia, fa più rumore un albero che cade di un'intera foresta che cresce... lo sappiamo entrambe ma fa rabbia che il potere usi armi proprie e improprie per farci sentire insicuri e poco affidabili.
      Ciao cara figliola mia. Buonissima giornata.

      Elimina
  3. Sari, torna in te stessa, cazzo!
    Ecco, hai anche tu il lasciapassare per la Sapienza, che nello specifico ha dato una prova d'insipienza rara, perfino superiore all'indecenza e facciadiculaggine di schettino.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. A pensarci bene ci sono dei precedenti di salita in cattedra di criminali, anche famosi.
    E anche loro in facoltà di medicina: aveva iniziato Lombroso, seguito a ruota da tutte le facoltà interessate alla criminologia.
    Però avevano la decenza di presentarsi in formato teschio.
    Ariciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa vicenda Schettino mi ha ricordato quella di Scattone che, dopo avere ucciso per gioco una studentessa romana, gli affidarono una cattedra di filosofia in un liceo. Questi continui tentativi di dare cattivi esempi ai giovani, grida davvero vendetta.
      Per fortuna, come scrivevo a Carla più sopra, il rettore si è indignato e si dice prenderà provvedimenti a carico del docente che ha invitato l'ex.
      Ciao.

      Elimina
    2. (So bene che non dovrei scrivere direttamente in questa casella dove è arduo cancellare un periodo senza che poi bisticci con il resto ma... scusami gli errori)

      Elimina
  5. Per queste persone, il silenzio sociale. Senza se e senza ma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece a questo tizio, e ad altri della sua levatura, dan sempre voce. Disse anche che la Concordia si era potuta trasportare perchè lui (lui!) aveva agito bene facendola adagiare.... mon dieu... che faccia tosta. E che levatura giornalistica abbiamo nel paese.
      Baci.

      Elimina
  6. Io sono esperto nella gestione del panino
    ho idea che non i chiamerà nessuno a dar lezioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti chiamerà nessuno perchè siamo pieni di fast food. Dovresti proporti in altre realtà geografiche... ad esempio nella penisola dei Ciukci. ;))))
      Ciao Nucci, buona giornata.

      Elimina
  7. Sono arrivata tardi ed oramai ne ho scritte tante che passerei per forza ad un linguaggio non proprio da signora......
    Un abbraccio Sari!

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.