martedì 3 giugno 2014

Il territorio italiano è bene comune di tutti gli italiani



Paolo Maddalena, l' importante giurista italiano intervenuto ieri alla bella trasmissione di radio3rai Fahrenheit,  afferma che il territorio italiano è bene comune di tutti gli italiani. Tutti! ...  e dice  che nessuno se ne può appropriare. Dice ancora, riferendosi alla Costituzione,   che la proprietà pubblica ha la precedenza su quella privata.

L'intervista la si può riascoltare  in questa pagina --> (cliccare a sinistra, sul simbolino verde)
Ed ecco che in soli   10 minuti  Paolo Maddalena  ci restituisce la  piena  dignità di cittadini.

Politici,  cliccate e ascoltate,  per favore.


.

8 commenti:

  1. Fahreneit, come altre di Radio3, è una trasmissione sempre ricca e godibile; fra l'altro, la sua lunghezza di tre ore e il ritmo pacato della conduzione ne fanno una felice eccezione nel panorama radiofonico.
    Non è casuale che spesso dia voce a battaglie civili di dignità, come giustamente hai commentato.

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Franz, noto che ci capita spesso di sederci nelle stesse platee.. come poteva essere altrimenti, visto che siamo alla continua ricerca di qualcosa di vero, giusto o bello?
      Ciao, buon fine settimana sperando non sia di troppo lavoro, viste le temperature della nostra città.

      Elimina
  2. Amica mia, rivoglio la mia Sari! Questo tuo limpido blog sta diventando una succursale del "politically correct". Porca miseria, no. Ritira subito fuori la tua poesia e la tua femminilità. ;)) Voglio fiori e farfalle, non i violenti cultori della non violenza, cui preferisco coloro che menano cazzotti fregandosene di apparir pacifisti, se si trovano a cospetto dei mascalzoni. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Menar cazzotti, Giba? E' quello che cerco di fare con le parole, affilando le mie e cercando conforto in quelle dagli altri.
      Parola d'onore, anch'io, da giorni mi sto chiedendo quando ha iniziato a cambiare questo mio blog. L'avevo aperto quattro anni fa pensando di farne un luogo di cartoline, poesie e giochi di parole, un posto dove divertirmi, ma poi la crisi, il degrado, hanno cominciato a mordere le carni ed ho sentito di dover dire la mia su quanto stava accadendo.
      Desidererei anch'io ritrovare lo spirito degli inizi, di coltivare quel che mi piace, ma la leggerezza, di cui pure ho tanto bisogno, pare stonare nel tragico che vedo a vivo attorno a me.
      Ma sì, la tua Sari è ancora mia, vado a cercarla. Grazie amico caro.

      Elimina
  3. Grande patrimonio di cultura,storia,genti che si incontrano l'Italia. Da questo punto di vismta la migliore al mondo. peccato che i suoi abitanti la trattino male e la detunjrpino spesso e volentieri. Ben vengano pertanto moniti come questo. E...affrettiamoci a visitarla prima che molti siti decadano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Costantino.
      Non siamo stati educati a rispettare il nostro territorio e finchè non reinseriranno l'educazione civica nelle scuole, si riterrà sempre che il bene comune non ci riguarda.
      Sì, visitiamo più spesso la nostra penisola, e cerchiamo di sentirla casa nostra.
      Ciao.

      Elimina
  4. Se pensi che un politico vada a sentire Paolo Maddalena
    allora vuol dire che la tua speranza è infinita.
    Te però continua e non ti fermare,
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahimè, non sono tanto speranzosa da credere a politici in adorazione di Maddalena ma intanto facciamolo noi. Ascoltiamo per imparare che non siamo sudditi.
      Non mi fermerò, non potrei... rallenterò solamente.
      Ciao Nucci.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.