domenica 20 aprile 2014

Buona Pasqua!



RESURREZIONE

___________________
Alessandro Manzoni



E' risorto: il capo santo
più non posa nel sudario
è risorto: dall'un canto
dell' avello solitario
sta il coperchio rovesciato:
come un forte inebbriato ,
il Signor si risvegliò




Era l'alba; e molli il viso
Maddalena e l'altre donne 
fean lamento in su l'Ucciso;
ecco tutta di Sionne 
si commosse la pendice 
e la scolta insultatrice
di spavento tramortì
Un estranio giovinetto
si posò sul monumento: 
era folgore l'aspetto
era neve il vestimento: 
alla mesta che 'l richiese
dié risposta quel cortese:
è risorto; non è qui. 


4 commenti:

  1. Buona pasqua a te Sari!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà un altro giorno di Pasqua anche domani.. ti auguro tanta gioia.
      Ciao Elisena, un abbraccio.

      Elimina
  2. Orca miseria! Da una intenditrice di poesie (tranne quando giudichi le mie) come te, Manzoni poeta non me lo sarei aspettato. Tutta l
    a sua poesia, per me, è orrenda, così come è sublime la sua prosa quando volge in poesia: "Addio monti sorgenti...." e "Scendeva dalla soglia di uno di quegli usci una donna...".
    Beh, a volte dico fesserie, anzi le dico spesso :)))) Buona pasquetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato questa poesia e solo dopo mi sono accorta che era del Manzoni. Questo, detto per cronaca perchè la notorietà degli autori non ha mai influenzato (credo) il mio gusto. Di questi versi mi è piaciuta la drammaticità e pomposità della scena in contrasto con l'eccezionale liquidato in poche e semplici parole: non è qui.
      Tu sei un bel poeta ma feroce nei giudizi. Per consolarti dello sdegno provato da questo Manzoni, scrivo quel che dice Montale della Pasqua: ti piacerà. Ciao! :))))
      SERA DI PASQUA
      Alla televisione
      Cristo in croce cantava come un tenore
      colto da un’improvvisa
      colica pop.
      Era stato tentato poco prima
      dal diavolo vestito da donna nuda.
      Questa è la religione del ventesimo secolo.
      Probabilmente la notte di San Bartolomeo
      o la coda troncata di una lucertola
      hanno lo stesso peso nell’Economia
      dello Spirito
      fondata sul principio dell’Indifferenza.
      Ma forse bisogna dire che non è vero
      bisogna dire che è vera la falsità,
      poi si vedrà che cosa accade. Intanto
      chiudiamo il video. Al resto
      provvederà chi può (se questo chi
      ha qualche senso).
      Noi non lo sapremo.
      Eugenio Montale, 1977

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.