sabato 8 marzo 2014

Nessuna donna mai - di Giba



Sopporterò il mio pianto e quello,
del fanciullo chinato a singhiozzare.
Non di una donna il pianto sopportare,
né vecchia né ragazza né bambina,
portà il mio cuore mai, finchè è il mio cuore.

Nessuna donna pianga, mai, per l'uomo.
Non per difetto suo, non per violenza,
non per amore disatteso e ambito.

Di una donna le lacrime son righe, di
dolore infinito, che solcano le strade
di tutti noi. Le donne sono il sale della
la terra, son dolore, son gioia e sono vita,
che nasce nuova e si rifà per loro.

Né vecchia né ragazza né bambina,
ho fatto mai soffrir nella mia vita,
se non per quella sofferenza amica,
che viene da un amore ricambiato.

Né vecchia né ragazza né bambina,
nessuna pianga mai perché ho sbagliato....


Giba  



..........................................


Nel  mio pensiero che sogna, un giorno tutti gli uomini  firmeranno questa bella poesia e stupiranno della necessità che si aveva di scriverla.


Grazie Giba
amico mio e nostro

.

15 commenti:

  1. Il rispetto per la donna deve valere tutto l'anno.

    Buon 8 marzo a te e a tutte le donne del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Sì, il rispetto va necessariamente verso tutto e tutti.
      Ciao.

      Elimina
  2. anche se è già il 9 marzo, firmo
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è sempre aperto, Grazie!
      Ciao.

      Elimina
  3. Grazie ,caro Giba, per la sua bellissima poesia....mi ha così commossa che non trovo le parole per commentarla.
    Grazie Slivia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per adesso ringrazio a nome di Giba, quando passerà di qua prenderà il tuo commento.
      Grazie a te per averla letta e per la commozione.
      Ciao Silvia.

      Elimina
  4. Veramente commovente!
    Bellissima poesia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una vecchia poesia che avevo tenuta in un cassetto... mi è sempre piaciuta molto.
      Grazie a nome di Giba.
      Ciao Arianna.

      Elimina
  5. Ma che bella. Non la conoscevo! Grazie.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averla letta, Francesca.
      Ciao!

      Elimina
  6. Ma chi è Giba? Un tuo Amico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi è Giba? Un colto, vecchio e caro amico che scrive poesie di cui non si cura, una volta uscite dalla penna del suo cuore. Spesso sono gli amici a raccoglierle.
      Qui puoi vedere il suo sito di "società e politica" dove c'è la sezione Poesie.
      Ciao Francesca, buona giornata.

      Elimina
    2. Eccolo, scusa la dimenticanza, Francesca:
      http://ottovolante.jimdo.com

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Grazie a voi, alle donne, di esserci. Noterella; come dico a Sari sempre, il fatto che io non metta la virgola prima del né, non dipende da analfabetismo di ritorno, ma da circostanze fonetiche. E non è una regola fissa solo in poesia. Sari, non mi sopravvalutare; molti uomini avrebbero scritto di meglio, in merito:). Un abbraccio alle Signore. A te un bacio.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.