sabato 15 dicembre 2012

Spese

Non so se vi è mai capitato di entrare in un negozio, chiedere un articolo e, vedendo che costava troppo o che non è quello che desideravate, avete ringraziato dicendo che avevate bisogno di ripensarci e siete usciti pensando di andare a fare acquisti in un altro posto. A me sì, diverse volte.

E così ha fatto il ministro canadese con gli aerei militari F35... ha detto che deve pensarci e mi pare di avere capito che andrà altrove a comperare quel che gli abbisogna.
Altri paesi si sono già defilati davanti a questa che, evidentemente non solo per me è una spesa folle, ma il nostro ministro della difesa ha detto che, risparmiando con la riduzione del personale, si può fare. (Si diceva, alla radio, che il costo di questi aerei è notevole ma altrettanto lo sarà la manutenzione, sigh!) Ecco, questa è la prova che noi siamo una nazione ricca, che si può permettere lussi davanti ai quali altri si sono dovuti defilare.

Il salatissimo conto  della "ricca facciata" sarà presentato al  lavoratore licenziato e a tutti noi, naturalmente.   E mentre noi tireremo ancora di più la cinghia,  i ricchi veri saranno a spassarsela  altrove... alla faccia  nostra.

8 commenti:

  1. Illuminante il tuo post, l'ho utilizzato insieme alla notizia per gli avvisi inseriti in testa al mio blog. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesco, condivido spesso anch'io e questo passaparola scritta mi informa parecchio.
      Ciao, buona settimana.

      Elimina
  2. La cecità del ministro che li ha ordinati è pari alla sua arroganza
    nel giustificare l'acquisto, del resto non stupisce, tutta quella schiera di capipopolo e non già di governanti ha fatto schifo e come niente fosse si ripropone a gestire nuovamente la cosa pubblica.
    Come dici tu il nuovo reggente di quel dicastero ha preferito ridurre l'ordine anziché annullarlo magari pensando di farli pilotare ai dipendenti che saranno licenziati per risparmiare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima la tua ironia, Massimo. Per quanto riguarda il ministro, non credo si tratti di cecità ma di interessi. Ricordiamolo e ricordiamo di tutte quelle facce che ci hanno ridotti a miserabili, quando andremo a votare.
      Ciao!

      Elimina
  3. E' triste dover commentare a queste scelte scellerate...siamo così spiazzati ed inermi al momento...speriamo che cambi qualcosa.
    Questa classe dirigente politica è veramente sconcertante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo aggettivo (sconcertante) è elegantissimo... cercherò di usarlo.
      Ciao Arianna, buona settimana.

      Elimina
  4. Ma si sa, bombardare nemici inesistenti é la cosa più importante in questo momento! Che importa se le scuole cadono a pezzi, se esistono pensioni da vergogna o se c'é gente che ogni giorno perde il lavoro. Ma cosa pretendi?
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì le nostre scuole (è terribile) sono a pezzi e, se ci fossero controlli, mi chiedo quante avrebbero l'agibilità. Importa qualcosa, questo? Premiamo o puniamo chi non si occupa della sicurezza dei nostri bimbi? No, la maggior parte delle persone ascolta la tv e premia il "simpatico", il "bello", quel che ha promesso...
      Prima del governo dobbiamo cambiare noi, cara Francesca.
      Un bacio.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.