venerdì 27 aprile 2012

Moni Ovadia

Io come europeo sono solidale con la Grecia per tutto il debito che ho con il suo genio che ci ha colmato di doni inestimabili. E piango con i greci per i loro dolori come piangi con la tua gente perché, nei miei limiti, ho cercato di ascoltarne l’intimità imparando il neo ellenico, leggendo i suoi poeti, ascoltando le memorie dei suoi vecchi, cantando le sue canzoni.
E come Cassandra grido fermiamo il martirio dei greci perché è il nostro martirio.

Moni Ovadia


Sto ascoltando tutte le voci che riguardano l'economia internazionale ma mi sento sempre più  inadeguata a  formarmi un'idea precisa delle tensioni e dei giochi al massacro che si stanno attuando a livello  globale.

5 commenti:

  1. Ho l'impressione anzi temo, che la Grecia sia stata lasciata,abbandonata in balia della crisi, come se ogni Paese europeo non ne volesse parlare per incapacità di soluzione, vivendo ciascuno nel proprio dramma...il che mi fa tanta paura e pena per tutti.

    RispondiElimina
  2. Come non sentire il dolore di Moni Ovadia, cara Sari?
    Siamo tutti inadeguati a capire cosa sta succedendo a questo mondo.
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  3. Come non sentire il dolore di Moni Ovadia, cara Sari?
    Siamo tutti inadeguati a capire cosa sta succedendo a questo mondo.
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  4. Lili, la tua è la mia stessa pena. Spero per loro e per noi.
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Come sa dire, Moni Ovadia, vero Lara? Sa potenziare e dare voce ad ogni sentimento.
    Ciao!

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.