mercoledì 2 novembre 2011

Insegnamento ad una figlia

Chi ti dà la mancia non ti sta facendo un favore, ti sta comprando,  ti chiederà conto di quel che oggi t'ha dato. Rifiuta anche la moneta più piccola e sarai libera.


Detto da una cara persona, che non c'è più, alla figlia. Una piccola grande donna che aveva cuore e pensieri d'oro.



.

9 commenti:

  1. anche in questo caso non sarei così drastico. occorre valutare. e riconoscere lo spirito. certamente è buona cosa cercare di fare il possibile per essere indipendenti.
    ciao ancora

    RispondiElimina
  2. Certo, occorre valutare caso per caso ma in certi casi la mancia è vera corruzione e diventa altro. Io sono contraria alle mance, presuppongono un sovrapprezzo, una regalìa dovuta che non ritengo giusta.
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Anche io la penso come te, Sari!!
    soprattutto quando diventano un obbligo....

    RispondiElimina
  4. Beh,la mancia viene data negli alberghi, nei ristoranti, al bar...
    A Napoli (non so altrove)la mancia
    viene inoltre data alla porta, dai pazienti quando si recano privatamente dai vari specialisti,(dentista, medico di base,otorino,etc.)
    In effetti noi pazienti paghiamo un servizio che dovrebbero pagare i medici che non contenti di abbuffarsi le loro tasche, "concedono" a qualche povera crista di aprire la porta e regolare le visite.

    RispondiElimina
  5. I tuoi pareri sono sponda, per me, Nonnatuttua.
    Sei una consolazione.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  6. Allora la mancia è stata regolamentata, Lili... rappresenta quasi un contratto di lavoro. Che scoramento...
    E poi, la classe medica... uhm boccaccia mia....
    Ciao ciao.

    RispondiElimina
  7. Non ritengo corretto dare una mancia e soprattutto se diventano un obbligo da nessuna parte! Riguardo la classe medica però non tutti sono così: ci sono ancora medici e personale paramedico che donano la loro prefessionalità con amore e dedizione senza chiedere o aspettarsi nulla in cambio! E se a volte una persona offre un caffè o una caramella o dei cioccolatini , che questi piccoli doni vengano accettati con il cuore, perchè donati con semplicità ed amore.
    Purtroppo questi piccoli gesti sono spesso poco apprezzati a chi è abituato ad accettare mance o regalie più costose perchè della propria "arte" ne hanno fatto una sorta di compravendita!Io ti dò e tu mi dai... E di queste figure non ce ne sono solo nella classe medica ma in tutta la società.. e ce ne sono molte purtroppo..Che squallore!!
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. Cerchiamo, nel nostro piccolo, di porre rimedio a questo malcostume, Terry, e pian piano le cose cambieranno.
    Ciao cara.

    RispondiElimina
  9. Lo spero davvero tanto..ciao!!

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.