lunedì 10 ottobre 2011

Erri De Luca

"E poi c'era altro da pensare. L'occupazione della nostra terra da parte degli eserciti di Roma procurava rivolte e persecuzioni. Molti giovani ebrei morivano appesi alle croci di legno, lo strumento di morte inventato dai Romani per esporre in piena vista i condannati. Avevano fissati nuovi tributi, si sentiva parlare di censimento obbligatorio. Volevano contarci per spremerci meglio."

Erri De Luca (In nome della madre)





.

5 commenti:

  1. Buon pomeriggio, Antony.
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Volendo riflettere, infatti, possiamo scoprire una delle tante verità che la Storia ha sempre cercato di coprire, come spesso fa, quando a raccontarla sono i vincitori.
    Ecco,rievocando la storia di Gesù, si dice unicamente che gli ebrei furono i suoi assassini.
    Ma chi lo giudicò lasciandolo condannare alla pena della crocifissione pur ritenendolo un innocente? Ponzio Pilato, funzionario del potere di Roma.E chi inventò la terribile pena della morte per crocifissione? I Romani! I quali ritenendola anche una morte umiliante non la infliggevano mai ad un soldato cittadino romano.
    E dunque perchè non sono stati mai ritenuti responsabili della morte di Gesù?

    RispondiElimina
  3. Se vogliamo parlare di responsabilità, Lili, allora parliamo anche del popolo che osannava Gesù a gran voce ma che, davanti a chi chiedeva loro chi liberare, ha detto: Barabba. Se avessero voluto salvarlo...
    Salviamolo noi, oggi, rimanendo fedeli alla sua parola.
    Ciao cara.

    RispondiElimina
  4. Bellissimo libro da leggere e rileggere ...

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.