mercoledì 21 settembre 2011

Giornata internazionale della pace

21 settembre 2011 


(  ........................................................................  )


.

7 commenti:

  1. Stamani passando sotto un sottopasso, ho letto sul muro la prima riga di questo sonetto dedicato a Laura di F. Petrarca.
    La inserisco qui nel tuo intervento per la giornata della pace.

    Un bacio, cangalottolina tua.
    ------------------------------------------
    Pace non trovo e non ho da far guerra
    e temo e spero; ed ardo e son un ghiaccio;
    e volo sopra 'l cielo e giaccio in terra;
    e nulla stringo, e tutto 'l mondo abbraccio.

    Tal m'ha in pregion, che non m'apre né serra,
    né per suo mi riten né scioglie il laccio;
    e non m'ancide Amore e non mi sferra,
    né mi vuol vivo né mi trae d'impaccio.

    Veggio senza occhi e non ho lingua e grido;
    e bramo di perir e cheggio aita;
    ed ho in odio me stesso ed amo altrui.

    Pascomi di dolor, piangendo rido;
    egualmente mi spiace morte e vita;
    in questo stato son, Donna, per voi.
    ------------------------------------------

    RispondiElimina
  2. Sono sicura che gradirete anche questa :

    Io vulesse truvà pace,
    ma na pace senza morte,
    una mmiez’à tanta porte
    s’arapesse pe campà.

    S’arapesse na matina,
    na matin’e primmavera
    e arrivasse fin’a sera
    senza dì …nzerrate là.

    Senza sentere cchiù a ggente
    ca te dice…io faccio, io dico…
    senza sentere l’amico
    c’a te vene a cunziglià.

    Senza senter’ a famiglia
    ca te dice…ma ch’è fatto ?
    senza scennere cchiù a patto
    c’a cuscienza e a dignità.

    Senza leggere ‘o giurnale
    c’a nutizia impressionante,
    ch’è nu guaio pe tutte quante
    ma nun tiene che ce fa.

    Senza sentere ‘o duttore
    ca te spiega a malatia…
    ‘a ricetta in farmacia…
    l’onorario ch’e à pavà.

    Senza sentere stu core
    ca te parla ‘e Cuncettina,
    Rita, Brigida, Nannina…
    chesta si…chell’ata no.

    Pecchè, insomma si vuò pace e
    nun sentere cchiù niente,
    ‘e a sperà ca sulamente
    ven’a morte a te piglià ?

    Io vulesse truvà pace,
    ma na pace senza morte,
    una mmiez’à tanta porte
    s’arapesse pe campà.

    S’arapesse na matina,
    na matin’e primmavera
    e arrivasse fin’a sera
    senza dì …nzerrate là.

    Eduardo


    Ciao GIULIANO, DANA, SARI, CANGALA!

    RispondiElimina
  3. Sempre grande, Eduardo. Credo che faresti bene a tradurla o non tutti capiranno. Lo so, lo so che tradotta non è più lei, ma una/o poi se la rilegge, e ne afferra il significato.

    Ciao Lili (avisse vist'a Sari?)

    RispondiElimina
  4. Io e SARI ci sentiamo spesso a telefono, non ci vediamo ma è come se ci vedessimo. Dici bene che la poesia andrebbe tradotta, ma non so se nei commenti è giusto occupare tanto spazio.
    Ti auguro una buona domenica, ciao GIULIANO!

    RispondiElimina
  5. Grande Petrarca! E brava te, Cangalina, che hai proposto queste rime. Lui, il Francesco, si riferiva alla passione amorosa ma credo si possano adottare anche per questi nostri instabili e dolenti tempi nostri.
    Un bacino.

    Sari

    RispondiElimina
  6. Lili, tante grazie per questo Eduardo che dà voce al nostro malcontento.
    Una pace senza guerra, dice... ma noi siamo in guerra, almeno io mi sento così.
    Lo spazio nei commenti è a tua disposizione, traduci e ci farai un regalo. Anzi, mandamela nella posta che ne farò un post.

    E' vero, noi si sentiamo spesso ed è come vive vicine... che bello.

    Buona domenica.
    Sari

    RispondiElimina
  7. Giuliano, sono poco presente perchè innamoratissima. Il mio amore è una nipotina di neppure un anno e mezzo, ha la testolina rosso fuoco, gli occhi grigi ed è una simpaticissima chiacchierona.
    Aspettami però... torno sempre a cercare gli amici.
    Felice domenica.

    Sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.