domenica 24 luglio 2011

Omaggio a Folon

Non è straordinario questo artista?
Amo Folon perchè le sue immagini, apparentemente semplici, sono partenze verso l'inesplorato.
Folon ha usato la fantasia per arrivare al reale... ci ha porto immagini irreali perchè potessimo intraprendere il viaggio dentro noi stessi senza spaventarci troppo.

Nei suoi disegni, nuvole, colombe, uccelli mitologici, si muovono in colori d'alba o di tramonto... che forse sono la stessa cosa perchè un tramonto è l'alba vista da un'altra angolazione.
 
 
 
 
.

8 commenti:

  1. sari sei proprio un'artista........ed il tuo blog è sempre molto interessante.
    ciao Selvaggia

    RispondiElimina
  2. Benvenuta in questo blog, Selvaggia.
    Ti ringrazio per la gentilezza e ti auguro una bellissima notte di sonno e di sogni buoni.
    Ciao.
    Sari

    RispondiElimina
  3. Abbiamo veramente tanti gusti in comune! Folon è una delle mie passioni! E' stato tanto qui a Firenze ed ha lasciato delle opere bellissime, hai visto la statua dell'omino con l'ombrello? I suoi quadri invitano al sogno e alla fantasia...
    Come è bello il tuo pensiero sul tramonto!!!
    Anche io ne avevo parlato...
    http://ravanellorosa.files.wordpress.com/2009/10/ominochevola.jpeg?w=300

    RispondiElimina
  4. Poteva non piacerti Folon, Sari? Non piacere a te che della grafica hai fatto un'arte?

    Poteva non piacere a Sticla, donna di grande cultura ed abituata a vivere, con gli occhi pieni di bellezza, in una Firenze che toglie il fiato?

    Confesso che piace anche a me poverello, per la sua poesia, per la sua leggerezza. Un Mirò più delicato, uno Chagall meno marcato.

    Uno nato nell'anno in cui io nacqui, in un Belgio che mi è stato caro per tanti anni (ci passavo mesi per lavoro). Uno che ha avuto meno fortuna, morendo prima. Uno che ha avuto più fortuna, restando nella storia dell'arte.

    RispondiElimina
  5. Folon, ha collaborato con Olivetti fin dal 1969.
    Nel 2005 c'è stata una mostra bellissima al Forte Belvedere.

    Folon mi ha fatto compagnia per tanti anni nell'ambiente di lavoro. Le sue riproduzioni erano appese in tutti gli ambienti.

    E' leggero e profondo nello stesso tempo.

    Come le tue parole.

    RispondiElimina
  6. Buongiorno Nonnatuttua cara..
    Mi fa piacere che tu senta una somiglianza fra noi... lo sai quanto ti stimo.
    Folon a Firenze: che bell'incontro.
    Non so che ne pensi, ma le statue di Folon mi comunicano un senso di malinconia che non trovo così evidenti nei dipinti.
    Viva Folon, sempre e comunque.
    Un abbraccione.

    Sari

    RispondiElimina
  7. Giba, il tuo apprezzamento per Folon aggiunge colore alla percezione che ho della tua persona. E la cosa mi fa piacere.
    Aggiungo una provocazione alle "fortune" di cui parli. Fortunato è chi riesce a provare contentezza e appagamento nel tempo che gli è concesso vivere.
    Ti abbraccio.

    Sari

    RispondiElimina
  8. Cangala (oh cara fiorentina) e Folon.
    Un amore fra artisti!
    Firenze è il centro del mondo, lo sto scoprendo anche grazie a te, amica mia.
    Un abbraccione.
    Sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.