mercoledì 29 giugno 2011

Leggendo i giornali

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/6-luglio-muore-il-web-italiano/2154694/15

Questa notizia mi ha lasciata sconcertata... sono andata a leggere altro e allibisco.
Vogliono censurare il web e saremo i primi a farlo in un paese libero. Se questo aggettivo ha ancora valore per noi, la legge in programma non passerà.
Intanto, chi vuole s'informi e si mobiliti... lo faccia  come può, come sa.


.

41 commenti:

  1. non sono preoccupato. ciao

    RispondiElimina
  2. Io non so se preoccuparmi...francamente dopo aver appurato (grazie a Saviano, grazie a Pino Aprile e a tanti altri giornalisti/scrittori) le tante menzogne che ancora si tengono nascoste, ho qualche timore...
    Farò tutto quello che sarà nelle mie possibilità per contribuire ad eventuali manifestazioni NON VIOLENTE s'intende, affinchè mai accada questo.
    Il web libero è la vera democrazia.Ciao.

    RispondiElimina
  3. e' una vergogna! altro che democrazia
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Antony.
    Non sei preoccupato? Vediamo le mie varie ipotesi sulla tua asserzione.
    - Non lo sei perchè l'argomento censura non ti interessa.
    - Non credi che questo provvedimento passerà.
    - Credi che filtrare le notizie e limitare la libertà sia un bene.
    - Pensi che di libertà ce ne sia fin troppa.

    Naturalmente ho esagerato, scusami Antony...
    Felice giornata. Ciao.

    Sari

    RispondiElimina
  5. Lili, nel web l'informazione corre veloce... l'hanno notato così tanto (in occasione dei referendum) che ora si tenta di provvedere a limitarlo.
    Resisteremo!
    Ciao cara.
    Sari

    RispondiElimina
  6. Sì sì sì e sì Michele. E' una vergogna!
    Buona giornata di leggera speranza.
    Sari

    RispondiElimina
  7. Ciao Sari, infatti, strano :) tutto questo è arrivato subito dopo il tam tam per il referendum, dove la rete si è davvero rivelata preziosa.
    Ma non solo per quello. Il web è l'unico modo di conoscere molte informazioni che ci vogliono negare attraverso Tv e giornali.
    Lo scrivo no per te, ma per chi è ancora perplesso.
    Buona giornata, cara Sari
    Lara

    RispondiElimina
  8. sì, da un lato non sono toccato e interessato da queste facezie. dall'altro non credo che la libertà di pensiero e informazione possa essere limitata (e quindi le facezie si dimostreranno tali).
    buona giornata

    RispondiElimina
  9. Cara Sari, una vergogna come quella sulle intercettazioni. Che Paese triste è diventato l'Italia!
    Mariella

    RispondiElimina
  10. Preoccupazione inutile, Sari.
    Da sinistra ci sono valanghe di intercettazioni per fregare i berlusconidi, intercettazioni, diciamo la verità, spesso abusive.

    Giusta l'accusa di sfruttamento della prostituzione minorile; roba da galera; ma per il resto, il capetto ha il diritto di far quel che vuole.
    E' uno schifo, un troiaio come si dice in toscana, ma son fatti suoi.

    Naturalmente loro cercano di usar le armi che hanno per tappar la bocca, alla faccia della democrazia, all'opposizione ed ai giudici.

    Non ci riusciranno, il web non si ferma facilmente e loro, in questo momento, devono pensare a salvar la poltrona. Hanno altro da fare. Per quel che mi riguarda li scaraventerei in un fosso ma sarebbe una tragedia per l'Italia, in questi giorni.

    Le nostre azioni andrebbero a zero e faremmo la fine della Gracia.

    Vediamo di attendere e poi li piglieremo a calci nel sedere. Ciao

    RispondiElimina
  11. Noi siamo la GRACIA ! Poffarre.

    RispondiElimina
  12. Sì Lara, l'importanza dell'informazione è stata capita soprattutto dal popolo del web e questo nuovo canale ovviamente spaventa chi cerca di non informare. Noi vigileremo con costanza, e chi ha notizie le divulghi con questo mezzo... vento di primavera.
    Grazie.
    Sari

    RispondiElimina
  13. Buondì Antony. Dici che la libertà di pensiero e informazione non può essere limitata? Credo il contrario, e il nascondere informazioni può essere anche il darne tante e contradditorie creando una disinformazione dannosa per chi ha interesse al suo bene ed a quello della collettività (che sono poi la stessa cosa, per i democratici)
    Buona domenica.

    Sari

    RispondiElimina
  14. Buongiorno Mariella.
    Teniamo desta la speranza, non facciamoci prendere dalla tristezza (il tuo sfogo è sacrosanto però) e agiamo, giorno dopo giorno, facendo semplicemtne il nostro dovere di cittadini.
    Buona domenica :)))
    Sari

    RispondiElimina
  15. Buongiorno Giba :)
    Non ti limiti a leggere le notizie ma le interpreti e cerchi di tramutarle in palla di vetro per leggervi il futuro. Io non so farlo.
    Penso spesso che quelle che credo vittorie siano vittorie per chi oppone i suoi interessi ai miei di cittadino. Ho la brutta senzazione d'essere privata dell'autonomia del mio stesso pensiero. Leggo leggo leggo e mi ritrovo in un pantano.
    E' beato chi si sente certo... o no?

    Può darsi che faremo la fine della Grecia, però non cadremo... ci salveranno perchè questo è un affare molto redditizio.

    Ciao e buona domenica.
    Sari

    RispondiElimina
  16. leggo solo ora. in questo senso:
    un'informazione confusa, contraddittoria o scorretta non costituisce prova contro la libertà.
    ciao

    RispondiElimina
  17. http://espresso.repubblica.it/dettaglio/6-luglio-muore-il-web-italiano/2154694

    Ciao.

    RispondiElimina
  18. grazie. ho letto e continuo a non essere preoccupato.
    ciao

    RispondiElimina
  19. Ciao Antony.
    Più che preoccupata io mi sento impegnata. A fare che, chiederai.. a proteggere i miei diritti assieme a quelli di chi intende esercitare i suoi.
    Buona serata.
    Sari

    RispondiElimina
  20. mi viene in mente una vecchia frase di antonypoe: noi non abbiamo diritti ma doveri.
    ciao :)

    RispondiElimina
  21. Se esistono doveri è perchè ci sono diritti.
    Occorre, secondo me, osservare gli uni e pretendere gli altri, perchè le cose funzionino a dovere nella società.
    Ciao a te e buona giornata.
    Sari

    RispondiElimina
  22. guarda: volevo proprio scriverci un post la settimana scorsa su questa furbata del diritto-dovere :)
    ciao

    RispondiElimina
  23. Furbata? Oddio, non ti seguo, Antony...
    Buona serata.

    RispondiElimina
  24. sì, perché diventa quasi un ricatto, una logica perversa.
    poi quando parlo di "dovere" non intendo una costrizione, una necessità, ma qualcosa di gratuito.
    buon giorno, sari

    RispondiElimina
  25. Il diritto è una necessità riconosciuta, il dovere è il mantenerla.
    Il diritto ci obbliga a vegliare per poterlo esercitare, il dovere pesa sulle spalle e vorremmo colpevolmente scrollarcelo di dosso.
    Buona serata, Antony.
    Sari

    P.S.: Da Antonypoe a Ant... la tua prossima abbreviazione ci lascerà a bocca aperta :))))

    RispondiElimina
  26. appunto come dicevo, parlando di logica perversa.
    pensavo ad a.
    del resto mio nipote, da piccolo, mi chiamava zio a :))
    buona giornata

    RispondiElimina
  27. a senza il punto, ovviamente :)
    ciao

    RispondiElimina
  28. a. (a+punto) è bellissima... meglio lasciarlo.
    Ciao zio Appunto :))))

    RispondiElimina
  29. in effetti sono un appunto di viaggio.
    buon giorno :)

    RispondiElimina
  30. Buongiorno a te, A, questa mattina con punto esclamativo.
    Sei un gran bel tipo, lo sapevo, lo sapevo...
    Felice giorno :)

    RispondiElimina
  31. e ancora non mi conosci davvero!
    per fortuna. perché sono un tipaccio.
    ciao

    RispondiElimina
  32. Se sei un tipaccio mi spiace per te. Io, da qui, vedo altro e mi accontento, anche se la vista è parziale.
    Felice giorno. :)
    Sari

    RispondiElimina
  33. naturalmente non faccio nulla di terribile. però sono un tipo particolare. e questo è davvero troppo a volte per il comune modo di pensare.
    ciao. buona serata e w.end

    RispondiElimina
  34. Giochi ad incuriosire, eh? Potrei rispondere che abbiamo tutti una particolarità... o che, escludendosi da un comune modo di pensare, ci si vuole distinguere. Ma non dirò nulla di tutto questo :))) e ti auguro una bellissima domenica.
    Ciao!

    RispondiElimina
  35. no, nessun gioco ad incuriosire o intenzione di distinguersi. siamo tutti unici. ma io lo sono di più :)
    ciao. buon lunedì

    RispondiElimina
  36. non ci vorremo mica fermare a 36 commenti?!
    ciao :))

    RispondiElimina
  37. Assolutamente no, 36 commenti sono troppo pochi! :)))

    Riprendo contestando quel tuo "siamo tutti unici ma io lo sono di più" ricordando che "unico" è un superlativo assoluto e mica si può stravolgere la grammatica per farti contento. O sì?
    Felice giornata, mister A.
    Ciao!

    RispondiElimina
  38. da uomo libero guardo alla grammatica come un'opportunità. non obbediamo alle stesse ragioni.
    buona giornata

    RispondiElimina
  39. Adoro la grammatica e anche ogni giusta regola... non ci fossero, come si farebbe a trasgredire? ;)
    Buona giornata anche a te.
    Sari

    RispondiElimina
  40. sono sempre gli uomini che se la prendono per la trasgressione. la grammatica non se la prende. anzi penso che qualche volta le faccia pure piacere :)
    ciao, sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.