sabato 26 febbraio 2011

Incontri

Dice Vermiglio, un giovanotto di novantadue anni ben portati.
"Il lato triste  del  diventare vecchi, è l'accumulo dei ricordi brutti che a volte paiono assalirti tutti insieme.  Il  pensiero e la solitudine  sono cose che si alimentano a vicenda ma quando incontro qualcuno disposto a scambiare due chiacchiere, mi passa tutto.  Pensa che beffa la vita, da bambino badavo le pecore ed ora che sono vecchio qualcuno bada me: sono diventato una pecora."
No Vermiglio, non sei una pecora, tu sei e sarai sempre un uomo vero.


.

6 commenti:

  1. Bellino, bello il nome , pieno di forza, e lui, che ha voglia ancora di scherzare !

    RispondiElimina
  2. E' vero che i ricordi possono fare tanto male....ma senza che vita sarebe?
    Sono la nostra vita, la nostra storia, la ragione per cui noi siamo quello che siamo, plasmati dai momenti belli e brutti, dagli incontri e dagli addii....
    Caro, fantastico Vermiglio

    RispondiElimina
  3. Cara Sari, il commento di Nonnatuttua, mi sembra un condensato di saggezza e di emozioni, come il tuo post.
    Grazie cara amica e buona domenica!
    Lara

    RispondiElimina
  4. ... e tanta voglia di vivere. Dicendo d'essere pecora, diventa serio perchè si sente umiliato dalla nuova condizione di non autosufficiente. Ma è così come dici: ha spesso voglia di scherzare.
    Ciao, Vitamina. Buona giornata!
    Sari

    RispondiElimina
  5. Fausta, i ricordi, come sostieni, sono tutto per noi non più giovanissime persone. Spesso fanno compagnia.
    Porterò i tuoi saluti a Vermiglio. A te un bacione.
    Sari

    RispondiElimina
  6. Carissima Lara, t'offro un caffè mattutino, con una fetta della mia torta di mele.
    Ciao ciao!!
    Sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.