venerdì 14 gennaio 2011

Leggendo...

... la critica ad un personaggio  televisivo, che il giornale definisce "comico", mi sono chiesta chi siano, oggi, i comici.  
Nel mio modo di pensare, il comico  smuove il riso con le battute sui nostri difetti, sì... con i fatti insoliti della vita, sì... con il paradossale, sì.
Ma le offese pesanti sulla persona, sui difetti fisici, sullo stravolgimento delle parole, non  sono comicità.   E' altro, per me.
Suvvia, signori comici, spremete la vostra arte e fateci ancora  ridere per davvero.Fatelo e  farete un'opera di carità.

.

8 commenti:

  1. Cara Sari, mi sa che anche i comici sono in estinzione. Eppure, mai come ora, avremmo bisogno di riuscire a ridere un po'.
    Buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  2. Come condivido questo pensiero Sari: un conto è fare sorridere e mettere ironia sul nostro modo di vivere e di essere, un conto è andare sulla persona come unità con menomazioni sia fisiche che mentali!!La comicità qui non deve arrivare e non deve toccare nessuno!
    E purtroppo di comici come il grande Totò, o Troisi e altri bravi non ne esistono più..
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  3. L'ultimo "comico" fra i politici: Scilipoti.
    Ci sarebbe da piangere, però.....
    Scherzi a parte, non posso che condividere.
    Mi dà molto fastidio quando prendon di mira i difetti fisici delle persone.
    Mai visto "Ale e Franz"...Brignano...e il grande eclettico Proietti? Mi divertono assai.
    Di Totò ne parlan troppo e troppo poco di Macario. Tanto per citare...saluti...

    RispondiElimina
  4. Coi comici che abbiamo al governo, ti par giusto pretenderne altri Sari?
    In questi due giorni mi sono davvero divertito: pensa, settemila euro, un'Audi e due Rolex in beneficenza. Neanche san Vincenzo era arrivato a tanto....
    Ti abbraccio oggi, sabato e domani, domenica.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lara, pare che il compito dei comici odierni sia quello di fare politica... ma l'hanno sempre fatta e non debbo stupirmi.
    Quel che mi indigna sono le offese personali perchè la fascia debole delle persone le crede comicità.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Ciao monellina, concordo in tutto e ti abbraccio.
    Ciao!

    RispondiElimina
  7. Ciao Anonimo, non conosco "Ale e Franz" perchè non guardo la tv ma il grande Proietti sì. Ed è bravo in tutto.
    I professionisti seri sono da ammirare, qualsiasi mestiere facciano... ma sono diventati così rari che quando se ne incontra uno si grida quasi al miracolo.
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. Giuliano, mi prendo i tre abbracci e sono contenta, per adesso non penso ad altro.
    Ciao!

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.