domenica 13 giugno 2010



"Ti prego solo di non andartene, perchè se te ne vai ora non farai più ritorno. Fuggirai oltre i confini del mondo e non vorrai ricordarti di quello che è iniziato qui, tra me e te, quando l'anima si apre così, lentamente e con dolore, verso un'altra persona. Non smettere di scrivere, aggrappati alla penna con la forza che ti è rimasta. Stai tremando per lo sforzo, ma continua a scrivere, affondando in me le tue radici. Non avere paura."

Da: "Che tu sia per me il coltello" di David Grossman

2 commenti:

  1. quanto è intenso e doloroso e bello questo brano...mi piace moltissimo!
    Grazie Sari!
    Terry

    RispondiElimina
  2. Grossman è sempre intenso e mi procura piccoli brividi... leggerlo è come stare con una me stessa molto più consapevole.
    Grazie Terry, ciao.
    Sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.