domenica 13 giugno 2010



"Ti prego solo di non andartene, perchè se te ne vai ora non farai più ritorno. Fuggirai oltre i confini del mondo e non vorrai ricordarti di quello che è iniziato qui, tra me e te, quando l'anima si apre così, lentamente e con dolore, verso un'altra persona. Non smettere di scrivere, aggrappati alla penna con la forza che ti è rimasta. Stai tremando per lo sforzo, ma continua a scrivere, affondando in me le tue radici. Non avere paura."

Da: "Che tu sia per me il coltello" di David Grossman

2 commenti:

  1. quanto è intenso e doloroso e bello questo brano...mi piace moltissimo!
    Grazie Sari!
    Terry

    RispondiElimina
  2. Grossman è sempre intenso e mi procura piccoli brividi... leggerlo è come stare con una me stessa molto più consapevole.
    Grazie Terry, ciao.
    Sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.